Articoli

Articoli sul mondo della psicologia

ABC psicologia

L come lettino (dello psicoanalista)  a volte, quando si pensa alla psicoterapia, vengono in mente immagini riconducibili alla psicoanalisi classica, quella teorizzata da Sigmund  Freud e dai teorici immediatamente successivi (“post freudiani”). La psicoanalisi è costituita da una complessità teorica che si traduce anche in una serie di norme da perseguire, come il numero delle sedute e l’uso del lettino (o divano). In realtà nelle altre forme di psicoterapia non è previsto l’uso del lettino, ma bensì, normalmente, di due poltrone o di un tavolo con due sedie. Tra le molteplici riflessioni che si potrebbero fare rispetto a questa differenza, quella più importante è rappresentata dal fatto che in psicoanalisi la neutralità dello psicoterapeuta è teorizzata in maniera più assoluta, quasi quindi che siano la personalità del paziente ed il suo transfert le uniche variabili intervenienti il processo terapeutico. Nell’approccio psicodinamico anche il terapeuta è parte stessa di quel campo bipersonale in cui, quindi, è parte stessa della terapia.In psicoanalisi, quindi, il lettino, con il paziente sdraiato su di esso, intento a parlare senza interferenze da parte del terapeuta, è funzionale ad agire “come se” il terapeuta non fosse presente. Nella psicoterapia psicodinamica invece la possibilità dei due soggetti agenti il processo, di guardarsi, seduti su due poltrone l’una di fronte all’altra, riflette, a pensarci, questa diversa impostazione teorica.

 


 

T come tempo  in psicoterapia, le regole stabilite non hanno un senso meramente pratico, ma anche simbolico. Ossia, la loro funzione è anche quella di veicolare un qualche significato che gli si vuole dare. Da questo punto di vista, quindi, cercando di mantenere stabile la variabile del tempo, in termini di data stabilita e di durata di ciascun incontro, si cerca di preservare la stabilità e la capacità di accoglimento della terapia stessa.

 


 

S come setting  il termine setting viene dal verbo inglese “to set”, che significa sistemare, fissare, regolare.  Con questo termine, in psicologia, si vogliono indicare tutti quei parametri interiori ed esteriori, cioè mentali ed ambientali che creano il giusto contesto affinchè la terapia sia possibile.

 

Write a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lo psicologo “take away”: alcune considerazioni

Lo psicologo “take away”: alcune considerazioni Ci domandiamo spesso come mai le persone, tra il serio ed il faceto, …

SI O NO? Quando il dubbio diviene patologico.

Il dubbio è un processo fisiologico, nel percorso di creazione di una decisione, più o meno importante che essa sia. Non …

L’omicidio di Gloria Rosboch, il linguaggio mediatico ed il concetto di personalità.

Sembra essersi appena ridimensionato l’interesse mediatico intorno al caso dell’omicidio della Professoressa …