Tempi Modi e Costi

TEMPI

Spesso chi  si rivolge ad uno psicologo, lo fa con delle aspettative particolari, a causa di informazioni scorrette. Il lavoro dello psicologo, per esempio, viene spesso letto in un’ottica medica, quando, se è vero che la consulenza psicologica e la psicoterapia sono azioni sanitarie, è altrettanto vero che in psicologia l’oggetto d’intervento non è il corpo, con tutta una serie di differenze che ne conseguono. L’intervento psicologico-psicoterapeutico non può quindi funzionare come un farmaco, che, attraverso un processo chimico, va a modificare l’equilibrio patologico precedente. Esso si avvale invece di una serie di tecniche comunicative e verbali che, nel contesto di una relazione, creano un processo di cambiamento a lungo termine: processo che può essere più o meno rapido, in base a tanti elementi, come il  tipo di personalità del paziente, la sintomatologia presente, il tipo di relazione che nasce con terapeuta, al modello di riferimento di quest’ultimo etc. Queste considerazioni possono far capire la ragione per cui una previsione certa rispetto alla durata di una psicoterapia è molto difficile (se non che impossibile); durante lo stesso intervento, infatti, possono insorgere necessità diverse, come nuove problematiche, o, al contrario, delle condizioni esistenziali favorevoli ad una risoluzione precoce. In base all’unicità del caso di ogni singolo individuo, è possibile che già in alcune sedute vengano attivate alcune importanti risorse, come è possibile che siano necessario mesi, o qualche anno, affinchè si vadano a rilevare dei cambiamenti significativi.

CONVENZIONi

Convenzione con il CRAL del Ministero dello Sviluppo Economico (via Molise 2, 00187, Roma).

La Dr. ssa De Simone, in considerazione delle indicazioni dell’Ordine degli Psicologi rispetto alle tariffe massime e minime per ogni prestazione, e del fatto che la legge n. 248/2006 ha reso il valore legale delle tariffe massime e di quelle minime, solo orientativo, propone un ancoraggio della tariffa proposta al minimo indicato nel tariffario dell’Ordine degli Psicologi, rispetto ai colloqui consulenziali e a quelli psicoterapeutici.

MODALITÀ

Anche le modalità di svolgimento possono essere adattate al singolo caso; tuttavia, di norma, si prevede un incontro a settimana della durata di 50 minuti. 

COSTI

Infine, per quanto riguarda i costi, per orientarsi si deve far riferimento al tariffario stilato dall’Ordine Nazionale degli Psicologi che, in seguito alla liberalizzazione delle professioni, deve essere considerato come orientativo. Durante il primo colloquio, psicologo e paziente possono stabilire insieme quale si pensa possa essere il giusto corrispettivo economico del percorso da intraprendere. La sua durata può arrivare ad un massimo di un’ora e mezza. In seguito ad un primo incontro conoscitivo, si avvia il percorso consulenziale e di valutazione, che può durare da uno a 3 incontri al massimo. Il costo di ciascun incontro, della durata di 50 minuti, sarà corrispondente a quanto stipulato durante il primo colloquio. In questa fase l’onorario sarà corrisposto incontro per incontro, con rilascio di fattura. In seguito, se si riterrà opportuno un proseguimento di natura psicoterapeutica, l’onorario verrà corrisposto una volta al mese, con rilascio di fattura cumulativa. La ricevuta sanitaria, si ricorda, è fiscalmente detraibile. L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n.20 del 13/05/11, ha assimilato le prestazioni – di tipo sanitario – dello psicologo e dello psicoterapeuta a quelle del medico ammettendole così alla detrazione di cui all’art. 15, comma 1, lett. c) del TUIR.

 

SERVIZI OFFERTI

 

SI O NO? Quando il dubbio diviene patologico.

Il dubbio è un processo fisiologico, nel percorso di creazione di una decisione, più o meno importante che essa sia. Non …

L’omicidio di Gloria Rosboch, il linguaggio mediatico ed il concetto di personalità.

Sembra essersi appena ridimensionato l’interesse mediatico intorno al caso dell’omicidio della Professoressa …

“Primo colloquio gratuito!”: siamo sicuri che sia davvero conveniente?

Alcuni anni fa avevo iniziato una collaborazione con un poliambulatorio medico, in cui la prassi vigente era che la segreteria …